Maltempo, possibilità di deroga al Regolamento CE su tempi di guida, pause e riposi

Foto Lo debole/Bianchi - LaPresse 05-02-2015 Firenze, Italia Cronaca Maltempo, autostrada A1 Firenze Nord- Roncobilaccio bloccata per neveNella foto: i disagi pèrovocati dalla neve Photo Lo debole/Bianchi - LaPresse 05-02-2015 Florence (Italy)NewsSnow storm on the highway A1 Florence - Roncobilaccio
L’ondata di maltempo che sta interessando l’Italia può creare forti disagi all’autotrasporto, non solo per i problemi di viabilità e sicurezza, ma anche per quanto riguarda lo svolgimento di una corretta attività lavorativa nel rispetto dei tempi di guida, pausa e riposi.
È utile ricordare che il Regolamento CE 561/2006, all’articolo 12, in caso di fatti eccezionali prevede la possibilità di derogare alle disposizioni degli articoli dal 6 al 9 sui tempi di guida, i periodi di pausa e di riposo.
Pertanto, in caso di eventi eccezionali come ad esempio una situazione di maltempo, al fine di garantire la sicurezza del mezzo, delle merci e stradale, è possibile sforare l’orario imposto dalla normativa in termini di orari di guida e/o non rispettare gli obblighi di pause e riposi, procedendo come segue:
  • appena possibile fermarsi in un’area adeguata;
  • stampare lo scontrino (in caso di cronotachigrafo digitale) o scrivere sul retro del disco (in caso di cronotachigrafo analogico);
  • annotare le cause che hanno imposto la deroga (sforamento tempi di guida o mancato rispetto degli obblighi su pause e riposi).
  • se possibile, inoltre, è bene adottare ogni accorgimento utile a recuperare le energie psico-fisiche(prolungamento del riposo o delle pause).
Indichiamo qui di seguito un esempio di cosa scrivere per la deroga, per il caso in cui un autista non riesca ad osservare in tempo la necessaria pausa:
Ai sensi del Regolamento CE 561/2006, art. 12, a causa di avverse condizioni metereologiche e al fine di garantire la necessaria sicurezza stradale, del carico e del mezzo, trovandomi lungo la A1 in zona Barberino del Mugello, ho dovuto prolungare il periodo di guida, ritardando la pausa necessaria”.

Fonte Goliaweb

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*