TRASPORTI: RIUNIONE IN COMUNE ALL’AQUILA SU FUSIONE SOCIETA’ AMA-TUA

bus trasporto ama

L’AQUILA – I vertici dell’Azienda per la mobilità aquilana, Ama, società partecipata del Comune dell’Aquila, e della Tua, Società unica abruzzese dei trasporti, hanno preso parte a una riunione sul progetto di fusione delle due società, questa mattina nella sede comunale del capoluogo di Regione, alla presenza del sindaco Pierluigi Biondi e all’assessore comunale alla mobilità Carla Mannetti.

“Nell’incontro di oggi – ha dichiarato l’assessore Mannetti – si è proceduto ad una analisi delle valutazioni di ‘due diligence’ di Tua nei confronti di Ama, vale a dire la verifica dei dati di bilancio e l’acquisizione di tutti gli approfondimenti relativi all’oggetto della trattativa, implementati con documenti tecnici e amministrativi”.

“Questo passaggio – ha proseguito l’assessore – era il primo step fissato dal cronoprogramma stabilito durante una precedente riunione svoltasi in Regione a fine agosto. Dopo aver esaminato la documentazione abbiamo richiesto delle integrazioni in merito ad aspetti riguardanti l’organizzazione del servizio, con particolare riferimento alle sovrapposizioni delle linee di trasporto, il cui superamento ha evidenti conseguenze in termini di risparmio di costi e di riorganizzazione in chiave più efficiente”.

“Un elemento importante emerso durante l’incontro è la disponibilità, da entrambe le parti, ad un significativo rinnovo dei mezzi, dal momento che, come noto, l’età media degli autobus Ama è di circa 15 anni” ha sottolineato la Mannetti.

“L’amministrazione comunale sta, infatti, puntando sulla pianificazione di un sistema di trasporti all’avanguardia, con grande attenzione anche alla mobilità elettrica. Il progetto di fusione Ama/Tua – ha concluso l’assessore – sta dunque procedendo nel pieno rispetto del cronoprogramma e dei tempi preventivati. Stiamo ora concordando un incontro in Regione finalizzato a definire i contenuti della relativa proposta di legge in Consiglio regionale”.

 

Fonte: .abruzzoweb.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*