I camion di Gorent viaggiano verso Spagna e Francia

GO_foto-metano(1)

Non solo auto e trattori, il noleggio a (breve e lungo) termine conquista anche il settore dell’igiene urbana e spinge la crescita di Gorent, azienda fiorentina leader nel noleggio di camion per la raccolta dei rifiuti (tra i suoi clienti ci sono quasi tutte le utility del CentroNord) che ora apre il dossier estero e punta a crescere oltreconfine. Gorent ha appena aperto una filiale in Spagna, a Madrid, e tra poche settimane farà il bis in Francia, a Parigi; intanto si prepara a emettere bond per finanziare le società estere.

«Siamo entrati nel programma Elite di Borsa Italiana – spiega Furio Fabbri, azionista di riferimento col 54,7% della società, partecipata (20%) anche dal fondo Next Holding – con l’obiettivo di migliorare la trasparenza e avere la visibilità che ci consentirà di usare strumenti finanziari innovativi. Stiamo pensando ai bond, con una emissione da 10 milioni a 10 anni che potrebbe concretizzarsi nel 2018, e che permetterebbe di consolidare le attività italiane, cresciute molto negli ultimi tempi, e di sviluppare l’estero».

 

RAPPORTO ISPRA 31 ottobre 2017
Più raccolta differenziata in Italia ma 433mila tonnellate di rifiuti vanno all’estero
Il 2016 si è chiuso con un fatturato di 21 milioni, in crescita del 30% sull’anno precedente, e un utile di 1,3 milioni. Quest’anno l’azienda punta a confermare i risultati, spingendo sul noleggio a lungo termine (60 mesi) che oggi pesa il 40%. «L’obiettivo al 2020 è superare i 30 milioni di ricavi – spiega Fabbri – con una redditività intorno al 10%».

Oggi i veicoli pesanti destinati al noleggio sono 860, ma il piano triennale di sviluppo prevede di arrivare a 1.000-1.100 col 65% di flotta a lungo termine. A questi si aggiungeranno i mezzi destinati alle società estere: circa 500-600 camion in un triennio, il che significa un investimento sull’internazionalizzazione di 50-60 milioni.

«La Spagna è un mercato molto interessante, con buone prospettive – spiega Fabbri – e abbiamo già iniziato a fare i primi noleggi. La Francia potrebbe diventare addirittura più importante del mercato italiano, visto che c’è molto spazio per fare partnership».

Il noleggio di camion rifiuti, finora a livello europeo diffuso solo in Gran Bretagna e in Germania, evita all’azienda gli immobilizzi di capitale e la solleva dal problema della manutenzione, della valorizzazione finale dei mezzi e, soprattutto, del fermo-macchina (si paga solo quando si utilizza). Oltre ad assicurare veicoli nuovi e all’avanguardia: finora l’alimentazione è stata perlopiù diesel o metano, ma alla fiera Ecomondo (dal 7 al 10 novembre a Rimini) Gorent presenterà il primo veicolo con immatricolazione ibrida gasolio/elettrico prodotto da Scania, che poi andrà in tour per l’Italia.

«Il nostro è un Paese difficile per la lentezza nell’adeguamento normativo – conclude Fabbri – e infatti ci abbiamo messo anni per avere una regolamentazione del settore. Ma alla fine abbiamo aperto una filiera, e oggi siamo nella fase in cui la domanda cresce da sola»

 

Fonte: ilsole24.com

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*