Ex lavoratori Ferrari attendono gli accordi promessi: Logistica Marcegaglia

sciopero-marcegaglia-ferrari

Presidio davanti allo stabilimento per il futuro di 20 lavoratori sui 35 che dovevano essere riassorbiti.

Per il terzo giorno consecutivo i lavoratori ex Logistica Ferrari assunti dalla Società La Cisa Trasporti (15 su 35) nello stabilimento Marcegaglia sono in sciopero per aggregarsi al presidio davanti ai cancelli di via Baiona dei restanti lavoratori Ferrari ancora in attesa di essere assunti (15 lavoratori a tempo indeterminato e 5 lavoratori a tempo determinato) nell’ ambito dell’accordo sottoscritto tra le parti quando è saltato il rinnovo del subappalto di Cisa a Ferrari. Lo rende noto il sindacato generale di base (Sgb).

La rappresentanza sindacale promette di segnalare la vicenda alle autorità competenti sostenendo che le aziende starebbero venendo meno agli impegni assunti con l’accordo del 31 agosto firmato anche da Marcegaglia: «La Cisa ha dimezzato la forza lavoro che si era impegnata ad assumere. Facendo carta straccia dell’accordo firmato, parte delle attività su cui erano precedentemente impegnati i lavoratori della Ferrari sono ora svolte da Cofari e da Marcegaglia attraverso la coop Lb». Sgb poi afferma che «le aziende La Cisa Trasporti e Cofari stanno rivolgendo direttamente ai lavoratori in esubero proposte di assunzione in altre regioni o ancora a tempo determinato per farli desistere dalla lotta».

Il sindacato annuncia che il presidio andrà avanti anche giovedì 19 ottobre «e continueremo a calendarizzare le nostre iniziative fino al completo assorbimento di tutti lavoratori che l’1 di settembre, giorno in cui sono subentrate le nuove aziende, erano impegnati sulle attività della Logistica Ferrari». Oggi e domani il presidio si svolgerà dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 22, mentre lo sciopero prevede l’astensione dal lavoro per le ultime 4 ore di ogni turno.

Fonte: ravennaedintorni.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*